Attendi qualche secondo...

IL PERCORSO DI

Empowerment della gioventù

Ricerca e Analisi | Formazione | Confronto e Condivisione | Azione | Verifica

Workshop-7-1200x795.jpg

22 giugno 2018 GiovaniCRI

Sei mesi fa eravamo a San Donato Milanese, dove ci siamo confrontati durante gli Stati Generali della Gioventù e abbiamo approvato, in Assemblea Nazionale dei Giovani, la proposta della nuova Strategia della CRI verso la Gioventù, frutto di un percorso avviato col X Campo Nazionale dei Giovani.

Ora serve trasformare i sogni in azione!

Un importante passo sarà l’XI Campo Nazionale dei Giovani, che seguirà le tre direttrici della Strategia della CRI verso la Gioventù:

  • #Innovazione -> Laboratorio di Analisi dei Bisogni e progettazione, 23-26 Luglio, Abruzzo
  • #Partecipazione -> Training per Missioni Internazionali, 23-26 Agosto / Sardegna & Corso per membri dei Consigli Direttivi, 30 Agosto – 2 Settembre, Pisa Toscana
  • #Educazione -> Aggiornamento Formatori Giovani, 23-26 Agosto, Piemonte

Le adesioni dovranno pervenire entro il 01 luglio 2018 tramite il seguente link: https://goo.gl/forms/qyzv0gHp1oh5FejU2

I Comitati Regionali, di concerto con il Rappresentante Regionale dei giovani provvederanno a selezionare i volontari per ogni Regione.

Il punto di riferimento per maggiori informazioni è il rispettivo Rappresentante Regionale dei Giovani alla mail giovani@nomeregione.cri.it o giovani@cri.it.


officina_idee-1-1200x751.jpg

21 febbraio 2018 GiovaniCRI

Tre giorni emozionanti quelli in cui più di 400 Giovani da tutta Italia si sono dati appuntamento a Milano per discutere della strada percorsa fino ad oggi da Croce Rossa e porre le basi dell’impegno futuro della CRI verso la gioventù. Questi sono stati gli Stati Generali della Gioventù 2017, una intensa 3 giorni di lavori prima e adesso un grande sorriso che spunta al pensiero di dicembre, degli amici, dell’entusiasmo e di ciò che siamo e vogliamo costruire.
É questa la motivazione che ha spinto moltissimi volontari a lasciare un’opinione riguardo la loro esperienza: più del 91% dei partecipanti ha infatti visto le proprie aspettative rispetto all’evento soddisfatte e il 98,6% si è detta soddisfatta rispetto la location e l’organizzazione.
Comunicazione verso la Gioventù, Formazione e Prevenzione delle emergenze i workshop con più partecipanti, che si sono rivelati all’altezza delle previsioni per il 78% di loro, i quali hanno particolarmente apprezzato tanto il lavoro dei moderatori quanto la struttura delle attività.
I Giovani CRI si sono successivamente divisi in modo equo nella partecipazione ai workshop di regolamenti e statuti, ma sono stati i REDx la vera sorpresa della tre giorni: i ragazzi sono stati ispirati dalle parole di sette ospiti che si sono alternati sul palco e ben il 99,3% di loro li ha ritenuti interessanti e coinvolgenti. Le giornate sono state caratterizzate da un ultimo momento di confronto grazie l’Officina delle idee, che solo per il 12% dei partecipanti non ha permesso di conseguire gli obiettivi prefissati, per giungere alla conclusione con le votazioni dell’Assemblea Nazionale. I soddisfatti? Circa l’85% dei Giovani.
Per la vasta maggioranza gli obiettivi degli Stati Generali Gioventù 2017 sono quindi stati raggiunti ed è stata considerata chiara, innovativa ed efficace la comunicazione dell’evento, avvenuta principalmente attraverso l’app Giovani della Croce Rossa, il portale statigeneraligioventu.cri.it e i principali social network.
Numerosissimi i commenti e i complimenti di chi è stato presente, ma anche i suggerimenti per continuare a migliorare: in molti avrebbero voluto trascorrere più tempo insieme per confrontarsi maggiormente, aprire a tutti giornate come queste, prestando attenzione alla metodologia di confronto tra gruppi che vivono realtà molto diverse nel proprio territorio e inserendo magari figure professionali che possano dare un contributo concreto allo sviluppo delle tematiche proposte.

Queste le parole lasciate da uno dei tanti commenti dei GiovaniCRI sul questionario di gradimento online:

“Gli stati Generali 2017 hanno certamente segnato in positivo questa Gioventù, hanno avuto il merito di essere un progetto pilota, con un’azione e un modello operativo a cui Croce Rossa è da sempre tendenzialmente a digiuno. Di questo occorre darne atto: una possibilità d’espressione fuori dagli schemi come quella accaduta agli Stati Generali è una grande ventata di aria fresca. La partecipazione di organizzazioni e relatori esterni? Top. C’è ancora tanto da lavorare, ma è bello pensare che lo stiamo facendo: se questo primo step può aver dato la giusta motivazione […], credo che i prossimi Stati Generali debbano necessariamente avere un taglio di formazione alla responsabilità e all’autocritica, questo è, a mio parere, una nuova accattivante sfida. Riuscire a cogliere le nostre difficoltà, i nostri errori, i nostri sbagli; aver chiaro che non sempre e non tutto ciò che facciamo è corretto e capire che ci occorre metodo potrebbe essere una grande base per poter lavorare su noi stessi, prima ancora che sugli altri. Penso che i tempi siano maturi per affrontare i nostri scheletri nell’armadio, perché… “La scienza non esclude gli errori; anzi, talora sono proprio questi a portare alla verità.” (Jules Verne). Un caro abbraccio, a presto! […]”

 


assemblea-1200x751.jpg

10 dicembre 2017 GiovaniCRI

San Donato Milanese, 10 dicembre 2017. Si sono conclusi oggi i lavori dei Giovani della Croce Rossa Italiana, impegnati da venerdì negli Stati Generali della Gioventù. Gli oltre 400 ragazzi, provenienti da tutta Italia, hanno portato a termine la tre giorni di lavori iniziata venerdì.

Al termine dell’Assemblea Nazionale, tenutasi in chiusura dei lavori di discussione e confronto, dei workshop e delle conferenze con gli ospiti, i Giovani consiglieri hanno deciso quale sarà il loro nuovo percorso strategico. Molte le proposte di cambiamento discusse in Assemblea relative al Regolamento, alle nuove priorità e la strategia futura della Croce Rossa Italiana verso la Gioventù, che dovranno poi essere valutate in Consiglio Direttivo Nazionale. Tra le più attese, e fin ora approvate, ci sono: la valorizzazione dei percorsi formativi e professionali all’interno dell’Associazione e la possibilità del Consigliere di delegare una persona di fiducia che, al contrario del passato, possa avere diritto di voto.  In aggiunta, è stata approvata la nascita di un’accademia di formazione, che avrà il compito di uniformare tutti i percorsi formativi, al fine di garantire maggiore uniformità e omogeneità nella preparazione dei volontari.

Al termine dell’Assemblea Nazionale, inoltre, è stato premiato il progetto vincitore dell’Italian Youth Award. É il Comitato di Perugia, con il progetto “Abilità in Rivolta”, dedicato ad attività di alternanza scuola-volontariato, ad aggiudicarsi il primo premio. Secondo il Comitato di Viterbo, terzi classificati i Giovani del Comitato di Mascalucia (CT) .

Anche Tommaso Paradiso, cantante dei TheGiornalisti, ha voluto far arrivare un messaggio di saluti ai ragazzi presenti. Impossibilitato a partecipare all’evento in prima persona per motivi di salute, ha comunque voluto assicurare il suo supporto e la sua vicinanza alle tematiche trattate e alle attività svolte dai Giovani, inviando un video di incoraggiamento a tutti i ragazzi presenti.

I Giovani della Croce Rossa Italiana esistono per dare voce ai bisogni dei ragazzi, che vivono una fase caratterizzata dal cambiamento personale e dalla volontà di riportare con energia questo stesso cambiamento sulla società che li circonda. Sono e rappresentano attualità, continuità e sviluppo dell’Associazione, ma ne sono al contempo beneficiari, guidati da sana follia, tenacia e appartenenza” si conclude con queste considerazioni la tre giorni dedicata alla Gioventù, che sembra promettere grandi novità e un futuro sempre più innovativo.

“Spingeteci anche ad andare oltre, magari sbaglieremo, ma non vi deluderemo” ha concluso così l’Assemblea Gabriele Bellocchi, Vice Presidente Nazionale della Croce Rossa Italiana e Rappresentante Nazionale della Gioventù, invitando i ragazzi a continuare a crescere e migliorare, chiudendo così anche l’intensa tre giorni degli Stati Generali.


day_2-1200x751.jpg

9 dicembre 2017 GiovaniCRI

San Donato Milanese, 9 dicembre 2017. Prosegue il percorso verso l’innovazione dei Giovani della Croce Rossa agli Stati Generali della Gioventù. Nella mattinata i ragazzi hanno cercato l’ispirazione nelle parole di sette ospiti, che si sono alternati sul palco del REDx, conducendoli in un viaggio attraverso le esperienze di sogni realizzati e ancora da realizzare.

Il REDx: un nuovo modello d’ispirazione. Nato dal format delle TEDx Conference, brevi discorsi motivazionali con lo scopo di suggerire nuovi impulsi, il REDx ha idealmente condotto i Giovani sui binari di un futuro sempre più innovativo. Il filo conduttore, nella prima parte del percorso, è stato quello dell’innovazione sociale. Matteo Bassoli, presidente di Refugees Welcome, ha aperto la sessione sottolineando come solo accogliendo si possa fare la differenza:

“è una sfida per chi accoglie, ma anche per chi viene accolto. I giovani possono essere artefici della propria vita prendendosi cura delle piccole cose, perché è da queste che si cambia il mondo”.

Si sono susseguiti poi Eliana Baruffi, presidentessa di Junior Achievement, Fabio Zaffagnini, ideatore di Rockin’ 1000, e Luciana Delle Donne, fondatrice del progetto “Made in Carcere”.  Trasformazione, spirito di comunità e concretezza sono i concetti emersi dai loro discorsi, che hanno condotto i ragazzi alla seconda parte della conferenza.

 Cambiare la mente per cambiare se stessi: questa la seconda tappa del viaggio REDx su Employee Engagement. Terenzio Traisci, Christian Zoli e Luca Mazzuchelli hanno guidato i ragazzi alla ricerca attiva di un approccio mentale più aperto e propositivo.

A concludere l’intensa e coinvolgente mattinata è stato Federico Zugno, che ha emozionato la platea col suono della sua fisarmonica, accompagnato dalle suggestive immagini di una natura che cresce armonicamente.

Dopo pranzo ha preso vita l’Officina delle Idee, un punto di partenza in cui essere partecipi della ridefinizione della strategia di Croce Rossa verso la Gioventù. Un modo nuovo, libero e innovativo per aprire le menti attraverso la discussione senza vincoli di argomenti, guidati solo da tre tematiche principali: il giovane come protagonista della sua vita, il giovane in relazione agli altri e alla comunità che lo circonda, la comunità come punto di partenza. Le domande che conducono i ragazzi a confrontarsi sono tre: cosa, come e perché agiamo in relazione alle tematiche proposte?

Per poterci arricchire di nuove esperienze e metodologie innovative, diverse associazioni ed enti hanno preso parte a questi gruppi di lavoro e confronto. ADMO Regione Lombardia onlus, AIESEC Italia, AOGOI, AVIS, FIDAS, Forum Nazionale Giovani, FRATRES, INGV, Italia Camp, Leo Club Italia, Lions, Sottosopra per Save the Children, Telefono Azzurro, Villa Maraini hanno mostrato quanto sia importante, per i giovani volontari, confrontarsi facendo tesoro delle esperienze e dei punti di vista esterni al mondo di Croce Rossa, per poter sviluppare in rete progettualità condivise ed efficaci. 


rocca-1200x751.jpg

8 dicembre 2017 GiovaniCRI

San Donato Milanese, 8 dicembre 2017. Al via i lavori degli Stati Generali della Gioventù di Croce Rossa Italiana, che coinvolgeranno fino a domenica 10 dicembre più di 400 Giovani provenienti da tutte le Regioni italiane. Nel primo pomeriggio la plenaria di apertura, alla presenza dei rappresentanti di Croce Rossa e delle Istituzioni locali.

“Chi ha partecipato al percorso di crescita avvenuto negli ultimi anni ha sempre creduto nell’entusiasmo dei Giovani e nelle loro pazze idee. Permetteteci anche di sbagliare, perché per farlo ci vuole coraggio e solo sbagliando possiamo migliorare

è questa la richiesta di Gabriele Bellocchi Rappresentante della Gioventù e Vicepresidente Nazionale della Croce Rossa Italiana, che ha sottolineato, come questo sarà l’impegno dell’Associazione non solo per questi tre giorni di confronto, ma soprattutto per l’avvenire. Anche Rosario Valastro, Vicepresidente Nazionale della Croce Rossa Italiana ha sottolineato come l’Associazione abbia saputo fare tesoro delle idee rivoluzionarie della gioventù e come questa abbia seguito l’esempio dell’esperienza di chi in Croce Rossa lavorava da tanto.

“Diffidate di chi dice che i giovani sono il nostro futuro. No, i giovani sono il nostro presente, ci sono e mettono in campo un cambiamento che altrimenti non avrebbe nomeLuigi Bobba, Sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha parlato così dei giovani e delle loro potenzialità, che si possono realizzare con “la concretezza di piedi ben piantati a terra, lo sguardo rivolto al futuro” e l’azione concreta e partecipata tra associazioni e Istituzioni, che non devono dimenticare le necessità dei territori.

La prima giornata di lavori è continuata con il coinvolgimento diretto dei ragazzi nei workshop che li hanno visti impegnati per tutto il pomeriggio. Hanno avuto l’opportunità di confrontarsi su tematiche che spaziano dalla Prevenzione delle emergenze alla diffusione di Principi e Valori Umanitari, dalla Cooperazione Internazionale alla Comunicazione verso la Gioventù, senza dimenticare Statuti e Regolamenti. I moderatori hanno potuto raccogliere i punti salienti emersi dalle discussioni attive per analizzare gli aspetti positivi e negativi del percorso svolto fino ad oggi e fissare un nuovo punto di partenza per i passi ancora da fare, focalizzandosi sugli argomenti che saranno oggetto delle decisioni da prendere durante l’Assemblea Nazionale di domenica.

Anche chi non è potuto essere presente ha rivolto un pensiero ai Giovani della Croce Rossa Italiana: Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute, Filomena Albano, Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, e Vito De Filippo, Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, hanno inviato i loro messaggi di sostegno ai giovani coinvolti. Il loro augurio è che questi giorni siano un’esperienza di arricchimento e di crescita personale, affinchè le azioni intraprese possano portare a formare cittadini più consapevoli.

Francesco Rocca, Presidente Nazionale della Croce Rossa Italiana e della Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, ha infine augurato durante la seconda plenaria tre giorni ricchi di stimoli nuovi, per imparare ad andare oltre la cultura della divisione, per superare le resistenze ed essere compatti. “I risultati arrivano se si sa aspettare e lottare, tutto questo prende senso ogni volta che riusciamo ad avere impatto anche solo sulla vita di un singolo. Possiamo trovare nuove occasioni per raggiungere tutte le persone in necessità all’interno di una società sempre più mutevole e complessa”.

“Credo che il più grande scienziato di tutti i tempi sia Jules Verne, che con il suo continuo sognare ha saputo anticipare progressi scientifici di centinaia di anni. Siate i Jules Verne della nostra società: sognate e fate sognare!

questo l’augurio di Gabriele Bellocchi per l’inizio di un nuovo percorso d’innovazione e cambiamento.